feste popolari italia

Torno a #Pattada. Dove le tradizioni non possono morire.

Non c’è mai fine alla storia di un popolo fin quando ci sono bambini che raccolgono l’eredità.

Quanto impiega una civiltà a edificare il proprio sistema di valori? Trovare la lettura del proprio cosmo e trasferirla sulle cose del quotidiano per illuminare di “senso” ogni cosa e in ogni momento? Millenni, forse, o un attimo, sufficiente a disegnare in un colpo quello che un tempo, sotto la parola “tradizione”, rappresentava lo stato più prezioso cui si potesse aspirare.

IMG_5277

Valori o solo costumi, significati o solo ricordi, tradizioni o solo consuetudini, non è ben chiaro quello che riusciamo ormai a percepire dalla ritualità dei comportamenti e dai simboli delle vestigia, magari ben poco e magari quegli stessi significati sono tornati a nascondersi in attesa di essere presto riscoperti. Ma al di là di quanto profondamente si possa penetrare la sapienza popolare antica, bruta e cinica, eppure cosi elegante e pregna, resta la limpida impressione di come giovani e giovanissimi coinvolti nelle “tradizioni popolari” di ogni luogo stiano a rappresentare quella essenza che ha come corpo il tempo e come spirito la speranza.

IMG_5240

Direi di essere fortunato. Per il momento non è importante quanto in profondità possa arrivare questo breve ragionamento, ma solo l’idea di averne avuto sentore durante i festeggiamenti di Santa Sabina (#santasabina) a #Pattada è un immeritato regalo di cui gioisco. Non tutti i luoghi, ormai purtroppo, hanno ancora la forza di trattenere la storia e rilanciare una scommessa sul proprio futuro, non tutti possono vantare una partecipazione cosi sentita e giovane, nettamente superiore a ogni aspettativa. Mi si conceda l’audacia, ma non mi interessa cosa sia successo alla volta della chiesa dedicata alla Santa che, ahimè cadde rovinosamente, quella è storia, è cultura, ma la marcia dei cento cavalieri con i destrieri bardati di mille campanelli assordanti e dei bambini listati come fossero un quadro indelebile e immutabile di un luogo, eredi inconsapevoli di secoli di sapere, quello si che mi prende, che mi rapisce e non so dargli risposta. Ma quanti giovani ci sono qui? Per una popolazione cosi piccola un esercito di ragazzi cosi grande, impensabile.

IMG_5328

Non è il tempo che passa a decidere per le cose del mondo, non è la cultura che fissa la verità, un evento non diventa mai tradizione, è la tradizione che crea l’evento.

IMG_5314

Santa Sabina fu condannata alla decapitazione dal prefetto Elpidio nel 120 ca. La sua ricorrenza, che coincide ovviamente con la festività che si celebra a Pattada è il #29settembre. Se cercate informazioni su Santa Sabina non troverete moltissimo, questi signori su Facebook forse qualcosa in più vi sapranno dire, qui.

pattada